Elio Di Blasio

Elio Di Blasio (Chieti 1921 – Pescara 2004). Artista tra i più significativi in Abruzzo nel dopoguerra, per quanto concerne la ricerca astratta, fu protagonista di quella che può, a giusto titolo, essere denominata Scuola Artistica Pescarese. Questa si formò attorno alla figura carismatica di Giuseppe Misticoni, fondatore del Liceo Artistico del capoluogo adriatico, che oggi porta il suo nome, nel quale Di Blasio fu docente per molti anni. La fase iniziale della sua ricerca fu iconica, ma ben presto si indirizzò verso una pittura materica entro il perimetro della poetica informale. Le prime sortite si hanno al Premio Michetti del 1954 e alla Mostra Internazionale Astratta, organizzata da Sargentini della Galleria L’Attico di Roma, tenutasi a Pescara nel 1960. Seguono sue personali alla 2000 di Bologna e alla Salita di Roma, nonché la partecipazione a rassegne di prestigio, come la Quadriennale. Poi l’artista indirizza il suo impegno nell’ambito dello Strutturalismo e con opere di questa fase si pone in evidenza al Premio Avezzano del ’64, l’ormai storica edizione denominata Strutture di visione. Qui espone una serie di Strutture-luce ed è tra i premiati. Sul finire degli anni ’60 esegue un ciclo di Totem in legno e negli anni successivi i cicli Monumento al lavoro contadino e Mors stupebit, nel quale si tesse l’inno alla vita che rifiorisce dopo la morte. Numerosi anche gli interventi operati su ambienti urbani (da ricordare quelli effettuati alla Casa D’Annunzio a Pescara e nella Città di Penne), così come rilevante il suo

impegno nel campo della scenografia e della grafica. A Di Blasio, artista informale di spirituale lirismo, che aveva lo studio a Spoltore, città da lui molto amata proprio per la dimensione umana della gente, la Regione Abruzzo nel 1994 ha dedicato un’antologica curata da Leo Strozzieri, con una mostra allestita presso la FIAT-Sodicar di Pescara. Nel 2005 la studentessa pescarese Lorenza Di Pietro prepara e discute brillantemente la sua tesi di laurea La figura
di Elio Di Blasio nell’esperienza astratto-informale in Abruzzo all’Università di Perugia (Facoltà di Lettere e Filosofia – Corso di Laurea in Conservatoria dei Beni Culturali).

Post comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2018 Pchelpsrl.it